Aikido Aikikai

Conosci l’Aikido?

L’Aikido oltre ad essere un’arte marziale elegante e funzionale è soprattutto un metodo per rafforzare il corpo e la mente al fine di sviluppare una personalità equilibrata ed integra.

Insegnante:

Andrea Re – V° Dan Aikikai

A chi è consigliato ?

L’ Aikido è accessibile a persone di ogni età e di entrambi i sessi.

Basandosi su movimenti circolari e rotatori non richiede forza, poichè sfrutta quella dell’avversario.

Nei più piccoli risulta particolamente utile per sviluppare uno spirito equilibrato e cooperativo.

In definitiva il corso è aperto a tutte quelle persone di qualsiasi età che cercano una pratica che sia mirata a trovare nel proprio intimo un incontro pacificante e profondo di sé, per trovare luoghi che oggi tutti cercano ma non sanno più dove trovare.

Orari

Approfondimenti

Cos’è l’Aikido
Una disciplina adatta a tutti, uomini e donne.
A cosa serve
Il Fondatore Ueshiba Morihei
La progressione di studio
La pratica per gli avanzati

Cos’è l’Aikido

L’ arte conosciuta oggi come Aikido, appare a prima vista come un metodo altamente dinamico, rotatorio e ricco di possibilità strategiche. È un sistema per difendersi da un numero vastissimo di attacchi violenti, derivato da una sintesi intelligente e sistematica delle antiche arti del guerriero nipponico, un tempo note sotto il nome comprensivo di Bujutsu.

Questo metodo di difesa, offre innumerevoli tecniche per neutralizzare attacchi lanciati da uno o più avversari.

L’ Aikido si basa su strategie e tecniche fondamentali che facilitano il raggiungimento di quella neutralizzazione in maniera spesso spettacolare che per giunta, è accessibile a persone di ogni età e di entrambi i sessi.

Una disciplina adatta a tutti, uomini e donne.

L’Aikido è una disciplina che utilizzando squilibri e rotazioni, e non il principio della forza, risulta perfetta per aggirare e compensare il gap fisico uomo – donna.

La pratica costante favorisce il naturale rinforzamento del corpo attraverso un’attività aerobica ricca di cadute rotolate e movimenti rapidi, ma morbidi.

Viene rispettata la naturale eleganza femminile e ne viene rinforzato il corpo dalla pratica di cadute rotolate e movimenti rapidi ma morbidi.

A cosa serve

L’Aikido si rivela anche come un metodo per rafforzare il corpo e la mente, come mezzo funzionale per fondere le loro rispettive energie in maniera unitaria e coordinata al fine di sviluppare una personalità equilibrata ed integra, (questo è l’aspetto che interessa maggiormente molte persone che procedono oltre la dimensione marziale di quest’Arte).

Il nome stesso, infatti, significa: la via o metodo (Do) per il coordinamento, la fusione o armonia (Ai) dell’energia vitale (Ki).

Questa pratica quindi, è adatta a tutte le persone di ogni età e sesso, che svilupperanno attraverso di essa un riequilibrio psicofisico totale.

Il Fondatore Ueshiba Morihei

morihei ueshiba aikidoColtivò intensamente durante la sua giovinezza lo studio di ogni arte marziale cui avesse l’opportunità di avvicinarsi.

Nel 1912 accettò di trasferirsi nella fredda e nordica isola di Hokkaido, per contribuire alla fondazione di una colonia. Qui incontrò una guida stabile: il maestro Sokaku Takeda, caposcuola dell’antico stile Takeda Ryu, conosciuto anche come Daito-ryu Aikijujutsu.

Fu intorno al 1920 che dovette abbandonare l’Hokkaido per la morte del padre; conobbe lungo il viaggio Onisaburo Deguchi, fondatore della setta Omoto Kyo, che ne influenzó grandemente il cammino spirituale.
Il suo cammino marziale iniziò a distaccarsi progressivamente da quello del maestro Takeda. Risale al 1925 l’episodio che gli fece prendre coscienza di questa sua intima necessità. La sua fama aveva intanto cominciato a diffondersi; gli venne proposto di trasferirisi a Tokyo per insegnare e vi si trasferí nel 1927. La sua nuova arte venne conosciuta col nome di Ueshiba Ryu.

A partire dagli anni 40 venne ufficialmente adottato il nome di Aikido, ma gli eventi bellici ne frenarono l’espansione. Ueshiba Morihei si trasferí ad Iwama, dove si dedicò alla ricerca personale ed al lavoro nei campi, attorniato da un pugno di allievi. Dopo un difficile periodo di stasi postbellica, l’attività a Tokyo riprese e vi fece gradualmente ritorno. Il suo insegnamento cominció a diffondersi dapprima in Giappone e poi nel mondo intero, portatovi dai suoi migliori discepoli. Ueshiba Morihei continuò incessantemente fino alla piú tarda età il suo percorso personale e la sua opera di insegnamento.

Oggi siamo alla terza generazione famigliare.

I prosecutori del lavoro del Fondatore sono definiti Doshu.

Doshu e Maestro Re Aikido
Doshu e Maestro Re Aikido
Con Waka Sensei (il futuro Doshu)

La progressione di studio

Lo studio e la pratica costante delle tecniche fondamentali dell’Aikido vengono ulteriormente approfonditi e perfezionati da esercizi sempre più raffinati.

Attraverso esami di gradi Kyu se ne verifica l’apprendimento corretto, e con gli esami di livello Dan la preparazione marziale, l’equilibrio psicofisico, la tranquillità interiore e la risposta spontanea.

Lo studio delle armi tradizionali sia con avversario che da soli, con il Jo (bastone da 130 cm) con il Bokken (spada di legno), con il Tanto (pugnale di legno), ne completano l’apprendimento.

La pratica per gli avanzati

Chi ha pratica Aikido per anni, ad un certo punto del suo percorso, sente l’esigenza di lavorare su aspetti di cui non si parla più o se ne parla troppo poco:

Maai, riai, zanshin, kikentai, unione di assi, anticipo sulle prese, come non farsi colpire, come prendere il tempo di chi attacca, ecc.

Praticare Aikido col Maestro Re permette di analizzare questi aspetti e di approfondire  anche la sfera delle armi bianche in maniera profonda e contestualizzata.

Il Maestro Andrea Re è 7° di Katori Shinto Ryu e di Hoki Ryu due discipline di spada giapponese, che insegna a La Comune.

Potrebbe interessarti anche:

Menu

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi